03/10/2013

Conviviale del 3 Ottobre 2013

Settima conviviale dell'annata 2013-2014

3 ottobre 2013 / Annata 2013-2014

Conviviale del 3 Ottobre 2013

Nel corso della serata il Presidente ha consegnato 2 PHF (vedi foto sotto):

- al socio Vitaliano Bonaccorsi (tre pietre blu)

- al socio Past Presidente Vittorio Prescimone (una pietra blu)

Conferenza del prof. Antonio Martino:”Sei proposte per il prossimo millennio’’

Utilizzando le sei proposte di Italo Calvino per le Lezioni Americane, Oscar Mondadori 1993 cercheremo di capire in quale mondo viviamo e vivremo.  Vi sara un approccio sistemico e dopo s’introdurranno gli agenti cognitivi che aiutano a pensare e farsi delle domande.

Viviamo un epoca cerniera tra una civiltà creata nel Rinascimento con valori e idee europee che per 500 anni hanno tenuto. Una civiltà con criteri politici di leadership che incominciata dagli europei si è mantenuta con gli USA.  Ma che ora appare in declino o in discussione per l’affacciarsi di nuovi elementi di una civiltà che non riusciamo ancora a decifrare.

                Le sei proposte di Calvino che scisse per invito de le Norton Lectures di Harvard, in verità non arrivarono mai a destino perche l’autore mori nel 1985, prima di partire e prima di avere finito l’ultima proposta. Calvino si occupa di literatura, pero le sei proposte sono un ottimo materiale riflessivo per capire in quale mondo viviamo.

                La prima proposta è la leggerezza, togliere tutto il pensante, e verifica che la tecnologia e la scienza vanno in questa direzione con gli atomi, i quarck e il software.

                La seconda proposta e la rapidità, ma se ne accorge che la velocità è in contrasto con la molteplicita e la esattezza, che sono altre due proposte.  Bisogna trovare il modo di soddisfare al meglio tutte le proposte.  Personalmente vedo che la velocità si è installata nel mondo, pero preferisco un agire meno veloce e convulso.

                La visibilità che è l’altra proposta contiene anche i segni positivi che tutto sia visibile ma anche lo scompenso del mancato rispetto all’intimità.

                La molteplicità si da adito alla visione sistemica per la cuale ogni cosa è un sistema o una parte di esso.  Il Rotary è un sistema, per esempio perche ha membri (composizione) una organizzazione (struttura)  un commercio ininterrotto con altri (ambiente) ed un mecanismo che li consente di adattarsi a le nuove situazioni. Il meccanismo che e quello che consente i cambiamenti che il sistema ha bisogno per continuare che puo essere di carattere rivoluzionario o per mutazioni che trasformano un sistema.  Il sistema si puo ammalare e persino distruggersi purtroppo nelle scienze sociali questo viene poco studiato, ma sarebbe un dato importante.

                L’ultima proposta, che Calvino scrisse il titolo in inglese “Consistency” che si puo tradurre come coerenza, ma credo che l’autore pensasse piu alla consistenza o congruenza che alla coerenza. La ragione è semplice: la coerenza è un dato sintattico, ma lui si riferisce alla congruenza di iniziare una cosa e portarla a termino tenendo conto quali erano i fini, e questo involucra la semantica e la pragmatica.

                Temi da affrontare  la supepopolazione siamo 7 miliardi  la scarsita delle risorse, la `pessima distribuzione  il concentramento urbanistico, la forma di produzione e consumo l’uso delle nuove tecnologie i modi di aprendimento e ricerca

Il disorientamento,  tornare al segno   Cosa i metodi  utiliziamo quelli che abbiamo e magari cooperiamo per averne dei nuovi

Temi da affrontare  la supepopolazione siamo 7 miliardi  la scarsita delle risorse, la pessima distribuzione  il concentramento urbanistico, la forma di produzione e consumo l’uso delle nuove tecnologie i modi di aprendimento e ricerca. Siamo disorientati, e in questi casi vale la pena tornare al segno.  E noi abbiamo i metodi universalmente riconosciuti, anche se cooperiamo per cambiali e l’etica sociale senza la quale è impossibile la convivenza.

                Per fare questa operazione ci possiamo servire degli agenti cognitivi: cosa, come, dove, chi, quando, quanto, perché e le sue combinazioni: perché cosa?  Chi quanto e dove? Come perché?  E cosi via.

Conclusione: in un mondo cerniera tra una civiltà che è durata 5 secoli ma ha l’aria di finire e un nuovo mondo del quale non riusciamo a trovare il senso e la direzione viviamo nell’incertezza per domandarci come affrontare il mondo che ci attende, con una visione sistemica ci siamo appoggiati alle 6 proposte di Calvino per il prossimo millennio e agli agenti cognitivi.   

                                                                                                                                                                        Antonio Martino

 

 

157.jpg